Active English e la scelta ecologica quotidiana

Via la plastica usa e getta dal City Camps.

A tutela dei bambini e dell’ambiente Active English fa uso di alimenti prevalentemente biologici e di piatti, posate e tovaglioli da conferire nei rifiuti compostabili.

Una scelta iniziata ancor prima dell’entrata in vigore della normativa europea in materia di ecologia e, nella fattispecie, di quella norma che mette al  bando quei materiali considerati non compostabili e non riutilizzabili.

Nel mondo, infatti, le materie plastiche costituiscono l’85% dei rifiuti marini. Sotto forma di microplastiche sono presenti anche nell’aria, nell’acqua e finiscono anche sulle nostre tavole.

La scelta di Active English, il prestigioso city camps lariano, ha preso avvio diversi anni fa. Una scelta, anche dispendiosa, ma che strizza l’occhio alla tutela ambientale e al rispetto del territorio.

L’ambiente, infatti, viene salvaguardato e i piccoli frequentatori acquisiscono consapevolezza che, anche nei piccoli gesti quotidiani, è possibile rispettare l’ambiente circostante.

Active English non è un Camp dove l’inglese viene insegnato ma piuttosto dove viene usato! Anche nei piccoli gesti quotidiani, come quello che va nella direzione del rispetto dell’ambiente.

Non c’è bisogno di attraversare l’oceano, fino a giungere negli Stati Uniti, per trovare un ambiente dove la lingua più diffusa al mondo viene parlata anche nei piccoli gesti quotidiani: è tutto qui, a due passi dalla città di Como!

Per saperne di più clicca QUI

Active English è un camp di eccellenza con staff dedicato e qualificato. Oltre al direttore che da anni lavora tempo pieno insegnando inglese e gestendo un centro autorizzato alla preparazione degli esami Cambridge, Active English sceglie studenti da prestigiose università negli Stati Uniti e in Inghilterra per insegnare e divertirsi insieme ai bambini.
Lo staff ha il compito di impegnare i bambini nei giochi, lavori, sport e laboratori in modo divertente e intelligente; la capacità di integrare questi aspetti, assicura che Active English rimanga al top dei Camp con pernottamento in Italia.

Autore dell'articolo: max delvi